Non ho ragione ma chiedo comprensione

sono abbastanza ligia alle regole di mia natura, oddio non ligissima, ma le regola che ciò che io faccio di irregolare non deve ledere la libertà altrui mi è chiarissima, la condivido e potrei usarla come mio manifesto…eppur ci sono delle volte in cui tutto è troppo complicato, il mio stato d’animo e la mia vita sempre in balia di mille correnti o meglio dire vortici in primis, a seguire il dover sempre essere la colonna di supporto per tanti (per i giovani al lavoro, per la sopravvivenza della casa e finalmente per le mie figlie). Orbene, in questo stato d’animo sempre al limite del tracollo mi trovo a portare C alla Materna. G non può andarci perché è tutta la notte che vomita (ergo io ho passato la notte insonne a pulire vomito e consolare G). Parto di casa al limite del tempo utile per non trovare la Materna chiusa (e non perché io sia pigra o perché prima sia andata al bar a far colazione, bensì perché mi son dedicata a pulizia vomiti e incoraggiamento a G malata e a C che andava a scuola senza la sorella). Il portone della Materna è chiuso da 12 mesi perché il soffitto è crollato e ovviamente nessuno lo ha ancora riparato. Si entra quindi dalla porta secondaria, in una vietta stretta, e la maledetta faccenda del lasciare l’auto in doppia fila non la si può ovviare talvolta…questo era uno di quei talvolta….non potevo davvero far diversamente ed ho bloccato l’auto di una persona parcheggiata regolarmente con la mia auto messa in doppia fila (ovviamente costui aveva anche un’altra auto oltre alla mia a bloccarlo). ho lanciato C alla Materna alla velocità delle luce, sempre con G appresso con il suo sacchetto per il vomito sono corsa alla mia auto in doppia fila, ovviamente il signore bloccato era nell’auto, era calmo, io mi sono prodigata in mille scuse, dicendo che non è mia abitudine farlo e che mi dispiaceva veramente. Premesso che lui aveva ragione e che io non so che altro avrei potuto fare, il sentirmi ricoprire di improperi per quei 2 minuti (di numero) rubati alla libertà di quest’uomo che mi ha accusata delle peggiori cose mi hanno veramente ferita. ha ragione, ha ragione, ha ragione, ma ci sono delle volte in cui davvero davvero davvero con tutta la mia buona volontà non posso fare diversamente e prego che ?il bloccato di turno’ non arrivi, e se arriva che abbia un po’ di pietas…ecco quest uomo oggi non la ha avuta, nemmeno davanti ad una G che facevo salire a forza in auto mentre vomitava nel suo sacchetto mentre lui mi urlava contro….mi fanno così male queste cose….

Annunci

Un pensiero su “Non ho ragione ma chiedo comprensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...